Poker online: tornei o cash game?

Se vogliamo cominciare a giocare a poker online con soldi veri, allora dobbiamo anche scegliere quale modalità di gioco sia più congeniale a noi basandoci anche sull’esperienza che abbiamo. In questo articolo ci soffermeremo ad analizzare alcune delle caratteristiche dei tornei e dei cash game in modo tale che possiate tenerle in considerazione nel momento in cui deciderete in quale modalità di gioco volete cimentarvi.

I tornei di poker sono davvero emozionanti e hanno acquistato una notevole popolarità anche grazie alla televisione che negli ultimi anni ha scoperto questa nuova formula che riesce a mantenerci incollati al video fino allo showdown. Questa popolarità ha forse intaccato un po’ quella del cash game, che però a nostro parere rimane la miglior formula per imparare a giocare e provare il brivido della vittoria anche se non abbiamo una grandissima esperienza. Ed ecco appunto che arriviamo alla prima discriminante che dobbiamo tenere in considerazione nel momento di scegliere tra un torneo e il cash game.

Esperienza

Un torneo è molto lungo, le somme messe in palio sono da capogiro ma soltanto uno vince…e di solito è il migliore. Con il cash game invece in una partita può succedere di tutto e anche il giocatore meno esperto può avere la sua mano favorevole. Con questo non vogliamo dire che l’abilità non conti niente, certamente anche in questa modalità alla lunga la bravura pagherà, ma come detto a breve termine tutto è possibile.

Tempo a disposizione

Come dicevamo in precedenza un torneo è lungo, quindi la seconda discriminante riguarderà proprio il tempo che possiamo dedicare a questa attività ricreativa. Non possiamo certo pensare di iscriverci a un torneo e, se si fa tardi, mollarlo per preparare la cena o portare a spasso il cane. Questo potrebbe generare problemi con gli altri partecipanti, quindi il consiglio è quello di essere certi di poter portare a termine la partita una volta iniziata prima di iscriversi a un torneo. Il cash game, in questo senso, sarà l’ideale se non siamo certi al 100% di non dover interrompere il gioco: potremo abbandonare il tavolo in qualsiasi momento.

Voglia di imparare

In questo senso in molti pensano che il cash game sia la modalità più adatta, e di fatto è così, perché la pressione è notevolmente minore e la tattica utilizzata relativa rispetto a quella messa sul piatto in un torneo. Se da un lato ciò è vero, tanto che consigliamo di scegliere il cash game se la nostra discriminante è solo il livello di esperienza, dall’altro dobbiamo però considerare che un torneo ci offre davvero un’incredibile opportunità di accumulare ore di esperienza a un costo fisso che può essere relativamente basso (quello dell’iscrizione).

Soldi a disposizione

Contrariamente a ciò che si può pensare, è proprio il torneo la modalità di gioco che richiede un minor investimento di denaro (come accennato, quello relativo all’iscrizione). Tuttavia vincere un torneo richiede abilità ed esperienza particolari, quindi le probabilità di vincita sono molto più ridotte rispetto alla modalità cash game. In questo caso dobbiamo capire, tenendo presente il nostro livello di esperienza, se giochiamo per vincere o per non perdere.

Voglia di divertirsi

Qui c’è ben poco da discutere: se l’unico obiettivo è quello divertirsi, allora tra le due modalità di gioco la più indicata è certamente quella del torneo in cui l’emozione la fa da padrone e che offre alternative che ci terranno incollati al tavolo senza correre il pericolo di stancarci. La struttura costante del cash game invece alla lunga può risultare noiosa, soprattutto per chi adora l’azione.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *