poker for dummies

Poker for dummies: un breve glossario per comprendere la terminologia del gioco

Se volete imparare a giocare a poker, o se la vostra esperienza si limita alle poche partite natalizie in cui vi siete fatti spennare da quel simpaticone di vostro cugino, probabilmente il primo limite con cui vi scontrerete è quello della terminologia usata. Se poi amavate sonnecchiare durante l’ora di inglese a scuola, allora avete un problema: i termini usati, sia nei siti di poker online che nelle varie guide che possiamo trovare su Internet, sono assolutamente in inglese.

Ecco perché noi di all4games abbiamo ideato questo breve glossario per tentare di farvi da guida in questa giungla.

Fasi del poker texano

Iniziamo con una serie di termini che indicano le varie fasi del diffusissimo poker Texas Hold’em:

Pre-Flop: si tratta della fase iniziale che va dalla distribuzione delle carte alla puntata inziale.

Flop: le prime tre carte messe a terra.

Turn: la quarta carta che viene mostrata

River: la quinta carta che viene mostrata.

Showdown: il momento in cui vengono scoperte tutte le carte dei giocatori per vedere chi ha vinto.

Azioni dei giocatori

Continuiamo con la terminologia che si riferisce alle azioni consentite ai vari giocatori nel corso delle puntate:

Bet: quando un giocatore punta.

Call: quando il giocatore “vede” la puntata del suo avversario.

Raise: quando il giocatore rilancia sulla puntata del suo avversario.

Reraise: quando si rilancia sul rilancio dell’avversario.

Fold: quando il giocatore abbandona la mano.

Check: quando il giocatore passa ma non abbandona la mano, ovvero cede la parola all’avversario che si occuperà di rilanciare. Successivamente avremo l’opportunità di vedere il rilancio o di foldare.

3 Bet: avviene quando un giocatore rilancia come terzo, ovvero dopo che un primo giocatore ha puntato e un secondo ha rilanciato sulla puntata del primo.

Cap: l’ultimo rilancio possibile. Di solito è possibile rilanciare solo 4 volte per ogni turno secondo il seguente schema: bet, raise,3 bet, cap.

Check Behind: quando un giocatore passa (o fa check) dopo un altro giocatore.

Punteggi completi

In questa sezione analizzeremo alcuni termini poco conosciuti che servono per indicare i punteggi che abbiamo in mano:

Straight: si tratta della scala, ovvero di 5 carte consecutive.

Pocket Pair: la coppia in mano.

Overpair: la coppia in mano che supera qualsiasi coppia che potrebbe essere formata con una delle carte a terra.

Bottom Pair: la coppia formata tra una delle nostre carte e la peggiore tra quelle a terra.

Middle Pair: la coppia formata tra una delle nostre carte e la seconda migliore tra quelle a terra.

Top Pair: la coppia formata tra una delle nostre carte e la migliore tra quelle a terra.

Two Pair: il termine inglese per indicare la doppia coppia.

Top Two Pair: una doppia coppia formata tra le due migliori carte a terra e le nostre carte in mano.

Bottom Two Pair: una doppia coppia formata tra le due peggiori carte a terra e le nostre carte in mano.

Set: un tris formato da un pocket pair e una carta tra quelle a terra.

Trips: un tris formato da una propria carta e una coppia a terra.

Altri termini importanti

All-in: quando un giocatore punta tutto ciò che gli è rimasto.

Blinds: sono le due puntate che i giocatori alla sinistra di chi fa le carte devono effettuare prima della distribuzione delle stesse (rispettivamente si chiamano small-blind e big blind).

Board: le carte comuni messe a terra.

Chip Leader: il giocatore con il maggior numero di chip.

Dealer: chi fa le carte.

Draw: progetto, ovvero quando non si ha nessun punteggio chiuso in mano ma si aspettano una o più carte per completarlo.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *