Come giocare a blackjack

Come giocare a Blackjack

Il Blackjack è uno dei giochi di carte più affascinanti. Nacque in Francia nel XVII secolo con il nome di Vingt et un (ventuno). Successivamente il gioco approdò negli Stati Uniti dove subì alcune modifiche che servirono a renderlo più interessante. Una di queste modifiche era il pagamento di un bonus di 10 volte la posta se un giocatore faceva 21 con un asso e un Jack di picche. Questa mano, conosciuta come Blackjack (fante nero), dette l’attuale nome al gioco. Oggi comunque si considera blackjack la combinazione di un asso e qualsiasi carta che valga 10.

Se non avete mai giocato a Blackjack, vi farà piacere sapere che in questo articolo ci occuperemo delle sue nozioni fondamentali, dei suoi componenti e delle regole che ne fanno uno dei giochi più popolari al mondo.

Il tavolo da gioco

Il tavolo da BlackJack è un elemento molto semplice perché, a differenza di tavoli come quelli della Roulette, ci sono pochi componenti che entrano in gioco. Ha una forma semi-circolare ed è verde. Ogni tavolo prevede 7 postazioni di gioco. Sul tavolo vengono inoltre esposti per iscritto due delle regole fondamentali del gioco: la prima riguarda l’insurance (ovvero l’assicurazione), la seconda spiega come deve svolgersi il gioco del dealer che ha l’obbligo di chiamare la carta fin quando ha un punteggio pari o inferiore a 16 e che invece deve tassativamente stare con un punteggio pari o superiore a 17.

Le carte

Il valore delle carte è abbastanza intuitivo: asso 1 o 11; figure (J, Q, K) 10; numeri dal 2 al 10 il valore numerico della carta in questione.

Obiettivo del gioco

Il valore di una mano è dato dalla somma totale delle carte della mano in questione, quindi ad esempio un Jack e un 7 corrispondono a 17 punti. L’obiettivo è quello di battere il croupier e vince chi si avvicina di più a 21. Se si sorpassa questo valore si “sballa” e quindi si perde automaticamente.

Fasi del gioco

Per prima cosa i giocatori puntano collocando le fiches davanti a loro. Il croupier a quel punto distribuisce due carte ad ogni giocatore e due carte a sé stesso, cominciando dal giocatore alla sua sinistra. Il croupier lascia la sua prima carta (detta hole) coperta, mentre la seconda carta rimane scoperta sul tavolo. Se questa carta è un asso, il croupier darà la possibilità di realizzare un’ulteriore puntata detta assicurazione che serve per premunirsi da un eventuale Blackjack del banco. In questo modo se il croupier fa Blackjack si vince 2 a 1 la scommessa sull’assicurazione.

Le azioni concesse al giocatore

Cominciando da sinistra, ogni giocatore deve poi scegliere tra una serie di azioni che ha a sua disposizione:

Stare: ovvero rimanere con le proprie carte.

Chiedere un’altra carta

Raddoppiare: il giocatore raddoppia la propria scommessa iniziale e riceve un’altra carta. A questo punto non potrà più riceverne altre.

Dividere: se il giocatore ha due carte dal valore di 10, può raddoppiare la sua scommessa iniziale e separare le carte in due mani indipendenti. Ogni “mano” riceverà un’ulteriore carta.

Arrendersi: il giocatore può arrendersi prima di realizzare qualsiasi altra azione e recuperare la metà della sua scommessa iniziale.

Chi vince?

Dopo che tutti i giocatori hanno fatto la loro scelta è la volta del croupier. Questi scopre la sua carta hole e, a seconda del fatto che abbia più o meno di 17, sarà costretto a stare oppure a girare un’altra carta. Se il croupier sballa, tutti i giocatori che non lo hanno fatto a sua volta vinceranno la loro scommessa. Se il croupier non arriva a 21, vinceranno tutti i giocatori con un punteggio superiore al suo. In caso di parità invece le scommesse vengono restituite.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *