Oops! It appears that you have disabled your Javascript. In order for you to see this page as it is meant to appear, we ask that you please re-enable your Javascript!
Come finanziare una casa prefabbricata

Come finanziare una casa prefabbricata

Nonostante il consenso sempre maggiore che stanno avendo le case prefabbricate, ancora le persone non sanno dell’effettiva convenienza che queste abitazioni della bioedilizia hanno rispetto alle costruzioni più tradizionali. Meglio spiegarlo, allora, in maniera breve ma efficace ed esaustiva.

Porgere un dito e non il braccio

Se un tempo le case prefabbricate erano per lo più derise e guardate con un certo disprezzo, oggi la questione è molto diversa: fanno parte della bioedilizia e sono garanzia di sicurezza, qualità, avanguardia tecnologica, ecologia e anche risparmio. Purtroppo, ancora c’è molta ignoranza sull’argomento e in pochi sanno che scegliere una casa prefabbricata è decisamente più vantaggioso rispetto alla scelta di una casa tradizionale, non solo per la qualità costruttiva, ma anche per il risparmio, il quale può essere finanche del 45% su spese di cantiere e manodopera.

Attenzione: questo non significa che pagherete una casa quanto una citycar, perché sempre di bene immobiliare si tratta. È comunque una spesa ingente e per molti un sacrificio economico, che dà molti risultati ma che va ben pensato e riflettuto. Meglio allora capire se ci sono e quali sono gli ausili economici verso chi fa un progetto di casa prefabbricata.

Vite parallele

Ciò che sostanzialmente non cambia rispetto all’acquisto di un’abitazione “classica” è il percorso di realizzazione. Infatti, come per le strutture in cemento, anche per le case prefabbricate ci sono istituti creditizi che concedono prestiti in modo da finanziare la costruzione di queste abitazioni, potendo sfruttare di ingenti sgravi fiscali.

Il prestito viene elargito in due momenti o blocchi distinti:

  • Un primo prestito viene fornito per la costruzione dell’edificio;
  • Quello definitivo e permanente – cioè il mutuo – viene elargito a costruzione realizzata, dopo aver calcolato il valore dell’immobile.

Credere nel futuro

Come procedere, quindi, per costruire e finanziare le case prefabbricate? Innanzitutto, chi acquista deve capire se può permettersela, perché l’intera operazione se fatta bene è un vero e proprio investimento per il futuro.

Il secondo passaggio – che avviene una volta capito che “sì, potete permettervela” e sono stati fatti tutti i preventivi del caso – è la stima di prequalifica, ovvero un’operazione per capire quanto la banca è disposta a concedere come prestito. Una stima non vincolante, tuttavia quando gli operatori vi chiederanno info e dettagli, voi cercate di essere il più precisi possibile con il budget.

Per farlo, controllate bene il mercato dei costruttori di case prefabbricate in legno, per capire quelli migliori e più quotati in modo da avere la tariffa più conveniente. Stabilito budget e preventivo, su quei soldi potete progettare e far costruire la casa dei vostri sogni.

Siamo in un sistema burocratico, quindi per poter ottenere il finanziamento preparate tutti i documenti fondamentali (dichiarazione dei redditi, buste paga, progetti costruttivi…). Come detto, poi il finanziamento viene elargito in maniera simile se non uguale alle case tradizionali, e al limite vista la scarsa conoscenza delle banche in questo settore, possono allungarsi i tempi di verifica. Una volta accettata la richiesta, potrete procedere all’impegno di prestito, ovvero creare un documento che ogni azienda costruttrice di case prefabbricate vi richiederà prima di farvi firmare il contratto.

La banca, che non vuole perdere soldi, traccerà i modi di pagamento di tutti coloro che partecipano alla causa attraverso un piano di rientro che l’intero personale approva. Questo è importante – avviene sempre – perché in caso di modifiche nel programma di pagamento (ovvero spese extra), queste non saranno coperte. Ma la differenza con le case in cemento, è che i rischi di errori sono davvero molto bassi.>

Senza perdere tempo

A questo punto, dovrete leggere bene il documento finale per ottenere il prestito e avere il permesso di costruzione dal sistema governativo. In questa fase finale, tutti questi “fogli burocratici” dovranno essere firmati e chiusi, per bloccare il prestito e far partire i lavori. Lavori che, per le case prefabbricate, meno durano meglio è: non appena l’immobile viene costruito, il prestito diviene il mutuo.

L’abitazione, infatti, avrà la sua stima di valore per cui il prestito di costruzione diviene permanente (quindi non soggetto a cambiamenti), con conseguente vantaggio per chi poi lo ripaga.

Informazioni più approfondite e richieste di preventivi potete trovarle su www.avantgardeconstruct.it

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.